l’arciere


arciere

Parole vuote e a vuoto.  Consapevoli, non inconsapevoli. Parole come frecce di un arco che sempre colpisce il centro.

E l’arciere buffone e tronfio va suonando la sua canzone dopo aver colpito e riposto l’arma.

Ma che importa?

Anche se nelle strade e nelle piazze e su e giù per i vicoli e attraverso le imposte socchiuse echeggia la sua voce sottile e acuta, anche se mille orecchie non sanno quanto è falsa e misera la sua canzone, l‘arciere lo sa. 

Questo importa.

Be Sociable, Share!