mania e disturbi bipolari


picasso figure in riva al mare

La mania è una condizione patologica caratterizzata da euforia, iperattività, estremo senso di benessere, ed illimitata fiducia in se stessi.
Le persone maniacali possono parlare per ore e raccontare continuamente di se stessi ma lamentare la stessa cosa degli altri, possono fumare smodatamente , bere, masticare la gomma di continuo, essere ossessionati dall’età e dal proprio aspetto, mordersi  l’interno della bocca.
Se sono in soprappeso si autoconvincono di piacersi per sottoporsi poi a diete rigide, dimenticando la convinzione precedente, se sono sotto peso dicono ugualmente di piacersi per poi mangiare in maniera smodata.
Dicono di sentirsi felici, ma è molto difficile che conoscano la serenità. Risultano spesso esagerati ed inadeguati e quando raccontano, si irritano se gli altri tentano di interloquire attribuendogli il loro stesso problema. Spesso parenti e conoscenti non si accorgono di questo disturbo. Nella mania sono coinvolte, come nella depressione, tutte le funzioni mentali; mania e depressione sono le  due facce della stessa medaglia. Il loro umore può essere dunque elevato, espansivo e irritabile. E’ necessaria l’ospedalizzazione se sono presenti almeno tre dei seguenti sintomi:
  • autostima ipertrofica: è frequente che il soggetto racconti fatti esasperati circa le proprie capacità, i propri successi ad esempio in campo sentimentale.
  • diminuzione o aumento del bisogno di sonno: la persona non si sente mai stanca o al contrario si stanca con estrema facilità.
  • può tacere snobbando l’interlocutore o  (se è di interesse personale) continuare a parlare con estrema loquacità: vengono raccontate le cose più svariate nei minimi dettagli , cosa e quanto si è mangiato esagerando nei particolari, gesticolando. L’ideazione è accelerata, la persona passa da un argomento all’altro in modo superficiale, anche solo per assonanza ed è quasi impossibile far mantenere l’attenzione su un qualsiasi argomento con conseguenze sulla memoria recente.
  • aumento del coinvolgimento in attività finalizzate, la persona cerca continuamente nuove attività; non trovandone può spostare i mobili in casa o fare ripetutamente le stesse cose; aumentano le attività scolastiche, lavorative, sociali e sessuali .
  • eccesso di coinvolgimento in attività ludiche con potenziali conseguenze spiacevoli o dannose, di cui la persona non si rende conto: col suo ottimismo sfrenato la persona può intraprendere investimenti avventati, fare spese al di sopra delle proprie possibilità, invaghirsi di persone appena conosciute e avere dei comportamenti sessuali sconvenienti.

liberamente tratto da:

Be Sociable, Share!