contro l’amore non c’è rimedio?


 Contro l’amore non c’è Rimedio alcuno, Nicia, né unguento né polvere – io credo – lieve, dolce farmaco. Da te, persino l’anima mi farei bruciare, persino L’occhio, che amo Più di tutto Mi tufferei da te, ti bacerei la mano E bianchi gigli ti porterei E il fragile papavero Dai petali scarlatti. Imparerò a nuotare Così saprò perché Vi è dolce abitare negli abissi.

TEOCRITO (SIRACUSA 310 a.C. -250 a.C ) fu un poeta greco e ancora teocrito dice alla luna…

Su via splendi più bella, afin che teco Favellar possa, e con Ecate inferna, Che a’ pavida cagnuoli orrore ispira, Quando di notte, d’artre faci al lume, Va per le tombe degli estinti e il sangue

ma Ovidio dice «Imparate da me a guarire, come da me imparaste ad amare» i “Remedia amoris” – “Rimedi all’amore” – vogliono invece insegnare i mezzi (sono quasi “ricette”) con cui curare gli effetti nefasti dell’amore, in particolare degli amori sfortunati.   (Sulmona, Abruzzo 43 a.C. – Tomi, Mar Nero 17-18 d.C.)

Ma c’è rimedio contro l’amore? E poi, perché dovremmo trovare un rimedio?

Be Sociable, Share!